JIIA.it

Journal of Intercultural and Interdisciplinary Archaeology

Lingue e culture del Mediterraneo antico

1


Indice degli Abstracts:
1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11|12|13|



Gianluca Tagliamonte


TITOLO: "Tra Campania e Sicilia."

A partire dalla fine del V sec. a.C. la presenza in Sicilia di cavalieri campani, schierati in qualità di mercenari nelle file degli eserciti greci e cartaginesi dell'isola, acquista un rilievo particolare e si fa stabile, permanendo tale per oltre un secolo.
Attraverso un esame della documentazione disponibile per quel periodo (soprattutto di quella letteraria e archeologica) e riferibile a Capua e ad altri centri della mesògeia campana, si cerca di evidenziare la possibile incidenza avuta, sul fenomeno del mercenariato campano in Sicilia, dai fattori di espulsione presenti nella società di emigrazione (ovvero, quella campana), anche in considerazione della presumibile, non bassa, dislocazione dei futuri misthophòroi (impiegati come truppe specializzate di cavalleria) in seno alla stratificazione sociale delle compagini di appartenenza. La scoperta, avvenuta in anni più o meno recenti, in diverse necropoli campane, di alcune sepolture di cavallo, in evidente o probabile connessione con deposizioni della fine del IV o dei primi decenni del III sec. a.C., getta poi nuova luce sulle forme simboliche e materiali dell'ideologia e del rituale funerario dei Campani.








1

Pubblicazione periodica telematica registrata presso il Tribunale di Frosinone con il n.303/2003 | Testata associata all'USPI | Informazioni sulla rivista | Informazioni sul copyright | Trattamento dei dati personali | Note per gli autori | Contact |